Scrivici

Eccolo !!!

Tags:
Gen-6-12

Facce conosciute

Bettino Craxi

20120106-102122.jpg

Una fusione fra Silvio Berlusconi e Alberto Sordi

20120106-102133.jpg

Alfonso Signorini

20120106-102144.jpg

Tags:

Eccoci di nuovo nella caotica, polverosa, grigia e inquinata Delhi. La gola ne ha risentito subito ovviamente. Oggi rientriamo e chiudiamo il secondo capitolo delle nostre ‘impressioni viaggiando’ … a breve qualche foto.

A presto

Sil e Gio

Tags:

Ci sono bastati pochi minuti con lei, il giorno di Natale, per capire che questo sarebbe stato il momento più difficile.
Arrivederci Suor Carla !

Tags:

Le sbarre sono giù, il treno é in arrivo, ma si attraversa comunque, bicicletta alla mano !

20120105-070058.jpg

Tags:

… che Gio è sempre alla ricerca di un cobra. Questa mattina una zelante vecchietta è venuta a chiamare Gio mentre lavavamo il bucato e a gesti gli ha fatto capire che l’uomo nel campo aveva bisogno di lui, Gio guarda l’uomo e questo, concitato, gli fa segno di correre da lui e poi il gesto del cobra, Gio corre come una saetta a prendere la macchina fotografica e si precipita dall’uomo che, sornione, si mette in posa e chiede che gli si faccia una foto mentre raccoglie le zucche, ovviamente del cobra nemmeno l’ombra …

Tags:
Gen-4-12

Fr. Anthony

Eccoci finalmente a parlare brevemente di lui.
Fr. Anthony è un prete indiano dall’energia inesauribile. Se riesci a fermarlo per quattro chiacchiere è quasi un miracolo. A soli 43 anni Parla italiano, inglese, hindi, telugu e chissà quale altra lingua. Collabora con il Corriere della Sera, la Repubblica, a Sua Immagine, ANSA …
È stato per anni in Papua Nuova Guinea tra i cannibali, nello Sri Lanka, in Italia …
Dice fino a 8 messe al giorno in piccoli villaggi o in città a centinaia di km di distanza, coinvolge tutti, adulti e bambini. Parla alla velocità della luce per farci stare tutto quelli che deve dire nel poco tempo che ha tra uno spostamento e l’altro, eppure colpisce sempre nel segno. È una persona come ce ne sono poche. È da conoscere.

Tags:

Marija Dasu sostiene di parlare inglese e italiano, peccato che abbia un’idea piuttosto blanda e spannometrica di cosa voglia dire parlare inglese e italiano. Concentrandoci sull’italiano per lui tutte le persone sono ‘io’.
Ieri mattina, erano le sette e mezza passate e avevamo abbondandente superato i 20 gradi, ho visto Marija Dasu con fascia di pile e copriprecchie imbottito. Io ero in maniche corte e sudavo. Alla mia domanda ‘ma non hai caldo’ con faccia stranita mi ha detto: caldo?? ‘Io freddo, io caldo peché io Italia’

Giusto!

Tags:

Non sono un’amante dello shopping, in India ancor meno. A me piace guardare, toccare, scegliere … qui ti devi sedere e loro ti portano quello che credono ti possa piacere e difficilmente sentono ragioni. Oggi peró mi sono stancata e ho preso l’iniziativa di andare a vedere da sola sugli scaffali. Comunque ti fanno veder quel che vogliono, ma qualcosa in più sono riuscita a sceglierlo in autonomia.

Tags:
Gen-4-12

Saaree e abiti

Shopping = rottura di scatole per il Giò…

20120104-111608.jpg

20120104-111705.jpg

Tags:

In un negozio di dischi, credo di aver trovato un cd del Leone di Lernia indiano !!!

20120104-105909.jpg

Tags:
Gen-4-12

Serpente

Questa é la foto della foto del serpentone della scorsa settimana !
W le preposizioni articolate !!

20120104-103745.jpg

Tags:

Un breve video !

Mariya Dasu e due suoi amici che lavorano al mercato

Tags:
Gen-4-12

Sauna

Oggi la nebbia è fittissima, il clima è caldissimo e umidissimo, sembra di essere in sauna. Stanotte abbiamo fatto una gran fatica a dormire, e come noi pare anche i corvi … han fatto un gran baccano tutto il tempo. Proprio ora ne ho uno qui di fronte che spilucca una piccola zucca acerba che ha rubato in giardino, certo di nascondersi nella nebbia. Poteva almeno prenderla matura! Ora andiamo a lavare i panni che con tutta probabilità non asciugheranno mai, ma necessitiamo di cose pulite :)

20120104-081002.jpg

Tags:
Gen-3-12

Evviva la nebbia

Stamattina ci siamo svegliati in mezzo alla nebbia, questo vuol dire che il vento è cessato e il ciclone se n’è andato, olééé

Tags:
Gen-3-12

C’ero quasi

Stamane, mentre Sil riposava in camera, ho iniziato a gironzolare nel giardino, lungo una strada dove non siamo mai stati, in fondo alla quale c’é un boschetto di banani dove il terreno é coperto di foglie secche.
Poco prima di addentrarmi vedo un uomo che esce dal boschetto, casco di banane in una mano, falcetto nell’altra, che mi ferma e in lingua Telugu mi fa capire che il posto é pericoloso, perché ci sono i cobra!!! Tento invano di fargli capire che ne voglio fotografare un esemplare e che se dovesse vederne uno dovrebbe avvisarmi !!
Poi ci addentriamo in un altro boschetto dove il terreno é pulito e mi fa tagliare un casco di banane ! Siamo ufficialmente amici! Gli ho fatto vedere anche le foto del serpentone e delle mangueste!

Tags:

Rimandando ancora un po’ la presentazione di quella straordinaria persona che è Fr Anthony è meglio se mi segno queste due perle di italianità emerse ieri durante una conversazione:

– il cobra? State attenti perché mózzica!!

– questa gente … sta per cagando, a casa non ha la toilet!

Tags:

Aggiornamento live: viaggiamo alla velocità della luce (130km/h) sul nostro MUV facendo lo slalom tra autobus, tuk tuk, moto contromano, mucche e gente che attraversa l’autostrada rigorosamente a piedi nudi e ovviamente al buio. Un’auto ci supera sulla sinistra (che qui non è la corsia di sorpasso) strombazzando all’impazzata, una Suzuki swift grigia. Tutto sommato non ci sembra poi così fuori luogo, ma l’insistenza nel suonare ci preoccupa: abbiamo investito qualcosa o peggio qualcuno e ci é rimasto attaccato all’auto?? Ma noooo, è Fr Anthony che ci ha riconosciuti e ci vuole salutare. Visto che siamo un po’ tordi e non capiamo ci telefona per comunicarci che il pazzo alla nostra sinistra è lui.

Approfondimento su Fr Anthony nelle prossime puntate. Da un tratto dell’autostrada non ben definito, perché buio pesto, è tutto. Passo e chiudo.

20120102-184923.jpg

Tags:

Il terrazzo della Missione (praticamente il tetto della casa, che é quasi completamente coperto da una tettoia in lamiera) é uno dei punti migliori da cui osservare i campi tutt’intorno, con l’intento di fotografare qualche animale.
Fino ad oggi ho visto e fotografato
– un serpente non ancora identificato
– una specie di airone bianco
– una specie di airone marrone
– uccellini vari
– pappagalli verdi
– suore in bianco :)
– due piccole manguste

Spero di riuscire a fare una buona foto ad uno stupendo pappagallo azzurro che si fa vedere solamente al mattino presto e alla sera quando ormai é buio.

Gio

Tags:

Soffiamo tutti forte per sto cavolo di ciclone a causa del quale stanno cancellando un sacco di voli.

Tags:
Gen-1-12

Bella ciao

Qui si ascolta una strampalata versione di BELLA CIAO, chissà se sanno da dove viene.

Ho provato a recuperare il video ma non riesco ad avviarlo, dovrebbe essere questo

Tags:
Gen-1-12

1 gennaio 2012

Oggi abbiamo partecipato a ben DUE messe consecutive (tre se contiamo quella di ieri sera)… l’idea ci spaventava un po’ peró alla fine ci siamo incamminati e a posteriori dobbiamo ammettere che ne è valsa proprio la pena, chiese dove dell’oro non ce n’è nemmeno l’ombra, rigide formalità, nemmeno. Anima: INFINITA. Tanto colore, tanti giovani e bambini, tutti cantano a più non posso, anche quelli estremamente stonatissimi!! Nessuno fa caso a cosa fa l’altro, a come è vestito, a quale posto sceglie. Ognuno si trova in chiesa per pregare come sa. Per la gioia di farlo, per portare delle offerte sentite. Nessuna vergogna se vuoi pregare a voce alta per tutti, se vuoi condividere il tuo pregare per qualcuno. Sacerdoti che coinvolgono i presenti, che pregano con i presenti, che insegnano e non predicano dall’alto. Noi questo lo abbiamo perso. O forse non lo abbiamo mai avuto… comunque domani sera ce n’è un’altra, ci aspettano, andremo!

Hihihi, cambiando discorso. Il villaggio nel quale siamo stati oggi ci ha accolti con stupendi fiori, che qui crescono in ogni dove. Non potevamo non fermare questo momento

20120101-203630.jpg

Tags:

Ieri pomeriggio siamo usciti a piedi dalla missione insieme all’autista Mariya Dasu e ad Andrea, un ragazzo di Arese che ci ha fatto compagnia per un giorno (ma di questo incontro parleremo più avanti), abbiamo costeggiato il muro che delimita il “Food Corporation of India”, dove vanno e vengono camion e treni carichi di riso, farina e zucchero; dalla strada in terra battuta che conduce alla missione attraverso un campo piantumato a ‘coconetti’ e ‘bananetti’. Da quando l’autista ha capito il
mio interesse per i serpenti mi assilla dicendo che oltre il muro, dove c’è una fitta boscaglia prima di arrivare ai magazzini, ci sono parecchi simpaticoni che nel tardo pomeriggio attraversano il muro passando per le crepe. Il sole è cocente, sono le 15, e finalmente arriviamo in fondo alla strada, senza avvistamenti… finché, scrutando tra gli alberi al di là del muro noto un grosso alveare brulicante di api. Foto di rito e poi si procede. Pochi metri più in là scorre il fiume lungo il quale sono arroccate misere capanne abitate da persone molto povere. Non appena voltiamo l’angolo che ci immette su un’altra strada, sempre lungo le mura del FCoI, scorgo un arzillo serpentello di oltre mezzo metro, molto sottile, che però scivola rapidamente verso l’acqua. Non ho fatto in tempo a fotografarlo ma era di in colore verde scuro con una striscia gialla sul dorso dalla punta della cosa fino alla testa: Stupendo! Come da prassi, quando sono l’unico a vedere un animale, gli altri faticano a crederci e mi danno del visionario. Proseguendo tra risaie sorvolate da pappagalli verdi (detti anche green repsol… Ahahahhaha) raggiungiamo un recinto dove possiamo ammirare una dozzina di struzzi puzzolenti, scattiamo qualche foto e mentre stiamo per andarcene faccio notare due grosse e bellissime lucertole sul tronco di una palma a pochi metri da noi, erano praticamente ad altezza uomo ma ottimamente mimetizzate! Un eccellente avvistamento!!! Proseguiamo verso il gigantesco magazzino alimentare del Governo, che ci concedono di visitare rapidamente senza però scattare foto.
Tornando verso la missione noto un bellissimo millepiedi sul famigerato muro di confine, solamente che é in basso, coperto da alcune erbacce, allora Mariya Dasu, bello convinto, ciabatte ai piedi, schiaccia l’erba per permettermi di scattare una buona foto…é allora che appare un bellissimo serpente verde smeraldo, sottile come uno spaghetto, lungo circa 30cm e con una evidente protuberanza sulla testa, si muove velocemente e solamente Andrea riesce a vederlo, Sil se l’é perso, ma il grande indiano, perfettamente integrato nell’ambiente naturale, neanche facendolo sfilare sul tappeto rosso l’avrebbe visto! Si trattava comunque di un Vine Snake.

P.S. lungo il muro ho trovato anche un bel pezzo di pelle “vecchia” di serpente.

Tags:

Allora siamo corsi al piano superiore, il terrazzo ci assicurava un’ottima visuale e soprattutto…ahahahhaha…sicurezza!
Abbiamo iniziato a filmare e fotografare, il serpentone stava fermo immobile, era davvero lungo e cattivo.
Dopo un paio di minuti ho lasciato la videocamera a Sil, ed impugnata la macchina fotografica, con tono severo e voce ferma, ho detto: “IO SCENDO !!” e Sil, prontamente ha risposto scocciata rimproverandomi: “Gió!!!”
Ma io faccio finta di non sentire ed in un lampo sono di sotto a 10 metri dal biscione, il tempo di scattare un paio di foto, e sparisce! Sil, due secondi dopo che le ho lasciato la videocamera ha perso l’inquadratura e ha deciso di non filmare più!!! Mannaggia!!!! Condivido subito le foto con un paio di Indiani che peró dicono che é una lucertola! Ma come?!?!? Invece il nostro autista dice che é un serpente che non ha il morso velenoso, ma che peró attacca con la coda e da male!!! Mi sa che questi indiani non sanno un bel niente si serpenti!!!

Tags:

… sapere che le città che avremmo voluto visitare, ma che poi per mancanza di tempo e voglia di organizzare, non abbiamo visitato, sono tutte state colpite.
– Vizag: bomba bloccata per un pelo ma città paralizzata
– Bangalore: attacco ad autobus di turisti
– Chennai e Puducherry: duramente colpite dal ciclone Thane

Alla fine restare a Srungavruksham e dintorni ha i suoi vantaggi :)

Tags:
Dic-31-11

Buon anno

Ci siamo, il nuovo anno è alle porte. Tanti auguri

Tags:

Silvia mi rimprovera: “non scrivi mai”, é vero, scrivo raramente, però contribuisco agli eventi di cui lei poi scrive, perché mi avventuro, scopro, fotografo, annuso e indico.

Oggi parlo di serpenti.
~~~~~~~~~~~~>>

Premessa, i simpatici animali striscianti mi affascinano, però, come la maggior parte degli altri esseri umani, ogni volta che ne incontro uno, mi sale la pelle d’oca dagli alluci al risvolto delle orecchie.

Appena atterrati a Vijayawada ho acceso il radar serpenti, macchina fotografica alla mano, gongolavo all’idea di immortalare, a distanza, un cobra dagli occhiali, un cobra reale o meglio ancora una stupenda vipera di russel…insomma una foto da “naturone” che possa competere con quelle di mio cugino Mauro!!

Il primo avvistamento avviene durante il viaggio in auto dall’aeroporto verso la Missione, attraversando lentamente un ponte in legno, nel fiume scorgo chiaramente una lunga e sottile biscia che danza sul pelo dell’acqua…ma la foto non mi riesce.

Alcuni giorni dopo, abbiamo attraversato una pianura di risaie per circa due ore, habitat ideale per i simpaticoni, ma il nostro fedele autista non si é mai fermato per la pipì…sono arrivato a sperare in una foratura per poter scendere a scrutare con lo zoom della nostra fidata Canon!

Un paio di giorni dopo, finalmente, un avvistamento serio!!
Sapendo che é probabile avvistare i simpaticoni prima del crepuscolo, me ne stavo beatamente sdraiato sul letto alle 14.00 mentre fuori, sugli alberi, corvi, pappagalli e scoiattoli facevano le prove della banda !
Improvvisamente uno scoiattolo inizia a fare un casino pazzesco, tipo rullata da batterista black metal
ciá-ciá-ciá-ciá-ciá-ciá-ciá-ciá-ciá
Mi alzo e guardo fuori dalla finestra, a circa 15 metri, sull’albero c’é questo batuffolo di pelo che salta e strilla come un pazzo, a testa in giù e a 6 metri di altezza!! Ma cosa gli passa per la testa? Dopo un paio di minuti Silvia mi dice: “dai, esci a filmarlo !” Prendo la videocamera ed esco, mi siedo sul muretto a pochi metri dall’albero ed inizio a filmare il piccolo impazzito mentre scruto intorno all’albero per capire se qualcosa possa infastidire il canterino Ciop, ad un tratto un biscione cade da un ramo fitto di foglie appena sotto l’albero e atterra sulla siepe alla quale si avvinghia! Visione terrifica e allo stesso tempo tanto attesa, momento immortalato dalla videocamera! “Sil, c’é un serpente, grosso e cattivo!!!” mentre come un vero duro mi rifugio in camera !
Dopo pranzo, la seconda parte!

Tags:
Dic-31-11

Vatti a fidare

… Proprio ieri sera ci interrogavamo sull’affidabilità del nostro nuovo coinquilino. Gli abbiamo dato una possibilità, mai giudicare dalle apparenze … male! Infatti ha subito imbucato un amico, corazzato!! Fuori tutti e due! Subito! E non fatevi più vedere!!

20111231-081843.jpg

Tags:

La lucertola ha fatto i bagagli, non la vediamo da un po’, deve aver subaffittato il suo letto a questo nuovo amico, sembrerebbe un po’ farfallone, speriamo non esageri

Tags:

(situazione – in una chiesa chiedo a una suora informazioni sul bellissimo canto che un gruppo di donne sta cantando)

– Scusi, come si chiama la canzone che stanno cantando?
– Non è una canzone.
– Ah, bè, qual’è il titolo del canto che stanno facendo?
– No, non è un canto
– Mhhh, cosa stanno cantando?
– Non stanno cantando, stanno pregando.
– Ok, ma pregano cantando …
– No, pregano e basta

… Ok, chiuso il discorso

Tags:

(situazione – ovunque per natale si vedono grandi stelle di plastica appese ai tetti, rosse e fucsia, nessuna gialla)

– Come mai ci sono solo stelle rosse appese?
– Come perché? Perché le stelle SONO rosse.
– Come rosse? Da noi sono gialle
– Gialle ?!?!? Ma no, sono rosse, solo da lontano sono gialle!

… Ok, chiuso il discorso

Tags:
Dic-29-11

?!?!?!

Oggi una coppia di indiani ci ha fermati per farci una foto… prima noi soli, e poi tutti e quattro insieme, ma non dovrebbe essere il contrario?!?!?!

Tags:

Oggi ha fatto davvero un caldo ai limiti del sopportabile, per fortuna che giunta la sera, l’aria spostata dal ciclone che, cattivone, minaccia la zona, si trasforma in gradevole venticello

Tags:

Inebrianti volute di incenso, intensi aromi di spezie e delicate essenze di fiori …
Ci sono poi degli odori talmente pestiferi da cancellare di colpo, dal tuo olfatto, ogni minima memoria residua dei suddetti profumi.
Siamo oggi giunti a una parziale classificazione, con denominazione specifica, di tali odori:
– lumachine: tipo quando da piccoli si raccolgono lumachine di mare e poi, poverette, le si dimentica in penombra con un fondo di acqua di mare nel secchiello
– tartarughe: leggere sfoglie, appena colorite, di fragrante cibo per tartarughe d’acqua, concentrato in barattolo
– paglia: quella ancora un po’ verde e umida, calpestata, che non ce la fa più e vorrebbe marcire …
– pollo: un po’ come quando ci si sbruciacchia i peletti delle dita ai fornelli, o come quando a scuola si fa l’esperimento delle ossa di pollo
– ganga: e il nome parla da solo
– pesce: quello che malauguratamente, in periodi di forte stress, compri e dimentichi fuori dal frigo, magari in un primo pomeriggio di canicola estiva
– afa: quella gradevole scia lasciata dagli umani dopo un intero giorno passato sotto il sole cocente

Non ce lo auguriamo, ma se sarà necessario, aggiorneremo.

Tags:
Dic-29-11

Colazione indiana

Latte di bufala, chapati e uova strapazzate con cipolla, pomodoro e altre cose non meglio identificate : pessima idea!

Tags:

Ventaccio e nuvoloni, non è detto peró che le piogge si abbattano anche su di noi, magari ce la caviamo solo così. Speriamo.

Intanto in mattinata abbiamo vissuto un ciclone in terra, fatto di colori, suoni, odori e persone. Abbiamo fatto un giretto al mercato della frutta e della verdura, CHE CASOTT!! all’inizio non osavamo tanto far foto, se le facessimo in Italia rischieremmo la rissa, qui invece non appena togliamo la macchina fotografica tutti si mettono in posa con la verdura migliore per essere immortalati, c’è chi molla tutto all’istante e si stampa un sorriso a denti spettinati sul volto cercando di rimanere nello scatto, chi spinge il vicino per fare in modo che rimanga nella foto, magari rubando il posto al vero soggetto. È stato divertente. Per strada invece la gente è più insistente rispetto a Delhi, mette quasi a disagio. Sopravvissuti anche a questo.

Tags:
Dic-28-11

Il mare!!

Il ciclone ha rispettato i patti, giretto al mare portato a termine con successo! Onde forti e alte, vento e sole forte. Peccato che gli indiani vadano in spiaggia soli per passeggiare, chiacchierare e far pic-nic abbandonando i rifiuti, ci saremmo sdraiati volentieri a prendere un po’ di sole.

Sil e Gio

Tags:
Dic-28-11

Bambine

Ieri abbiamo assistito a delle danze organizzate per noi dalle bambine di una scuola qui vicino. Brave! Anche se raramente andavano a tempo. Gio, che ovviamente non può farne a meno teneva il tempo con piedi e mani cercando di correggere le danzatrici. Davanti le più brave e via via fino all’ultima fila dove sembravano capitate per caso. Dopo le danze abbiamo offerto un pezzo di torta a ognuna di loro (circa OTTANTA) e poi si è scatenato l’assalto: foto, bacio, ciao, come ti chiami, vieni qua, dammi la mano, foto, foto, foto, fotooOoOoOooOo. finalmente raggiungiamo l’auto e via, si parte.

Tags:
Dic-27-11

Abbiamo capito

Abbiamo capito perché quando siamo partiti in auto per il giro pomeridiano Suor Carla ci ha detto: “io vado in Cappella a pregare”
Serve l’intercessione di tutti i santi per tornare incolumi dalle scampagnate con “il driver” delle suore !!!

Tags:

Stiamo ufficialmente rischiando la pellaccia a causa della folle guida notturna indiana :)
seguirà video … Forse

Tags:
Dic-27-11

Ciclone in arrivo

Eh si, per i prossimi giorni è previsto un ciclone, uragani, tsunami, non abbiamo ben capito, da noi peró solo forti piogge. E comunque giustamente oggi ci spediscono al mare. E se il ciclone dovesse presentarsi in anticipo all’appuntamento… porteremo il costume!

20111227-114547.jpg

Tags:
Dic-27-11

Tombola

Come tradizione vuole, ieri sera abbiamo giocato a tombola. Tra numeri in Teligu (si scrive così), italiano e inglese, alla fine ce l’abbiamo fatta. Sister Clemence bara sui premi!!! Mi spettava l’olio di cocco e invece ho ricevuto un rosario e una penna…

Abbiamo riso tanto peró !!

Tags:
Dic-27-11

Compagni di stanza

Da ieri abbiamo una nuova compagna di stanza, una lucertola. Non che ci si sia messi d’accordo, ci si è trasferita così, da un momento all’altro. Ci ha promesso che ci aiuterà nella lotta contro le zanzare, allora ok, può restare (anche perché ogni volta che pensiamo di sfrattarla fiuta il malaffare e scompare).

Tags:
Dic-27-11

Gola

Non contento dei nostri polmoni, lo smog di Delhi si è ora affezionato alle nostre gole, arrossate e doloranti. E vai di antibiotico, siamo ko!!

Tags:

Qui tutti sono rallentati, la signora delle pulizie si fa trascinare dallo spazzolone, le vaschette del security check si ammucchiano in fondo ai rulli e noi siamo ancora al metal detector, l’aereo approfitta della nebbia mattutina per nascondersi in fondo alla pista e sonnecchiare fin tardi … mentre noi, diligenti e scattanti, dopo quattro ore di sonno ci siamo ‘tirati giù’ dal letto , sigh, abbiamo trangugiato alla velocità della luce l’abbondantissima colazione del ‘lussuoso’ Novotel che ci siamo concessi e ci siamo fiondati all’aeroporto. Dopo un’ora abbondante di attesa extra, l’aereo, sbadigliando, si presenta e noi saliamo e speriamo che le due grosse eliche siano belle pimpanti. Si parte…

(è saltato l’ordine cronologico ma mi sono dimenticata di pubblicare questa pagina)

Tags:

Eccoci

Gio, zia Rina (Sr. Carla) e Sil

 

 

 

Tags:

gulp, eccoci catapultati nell`India piu` vera. Tutte le cose che senti raccontare da chi ci e` gia` stato diventano magicamente vere. A partire dalla guida davvero folcloristica fino allo sguardo penetrante delle persone che incontri che ti guardano con ammirazione, … che se invece sapessero quanta ammirazione abbiamo noi per loro …

Cooomunque, annotazione di viaggio, mai fidarsi quando una suora ti dice: un`oretta scarsa e siete qua, nemmeno se la suora in questione e` tua zia. L`oretta scarsa si e` rivelata essere una due-ore non stop di panico. Clacson strombazzato a piu` non posso, sorpassi di camion che sorpassano auto in una strada a una corsia. (A proposito, sapevate che in India, una strada a una sola corsia puo` ospitare contemporaneamente e affiancate una bici, un`auto e un camion ??)
Accelerare alla vista di un pedone in mezzo alla strada, allertandolo che non si ha intenzione di accelerare suonando a piu` non posso. Rallentare, quasi inchiodando, alla vista di una mucca/bufala che tranquillamente sgranocchia paglia in mezzo alla corsia….
e pensare che all`aeroporto ho passato qualche minuto in adorazione di un pannello pubblicitario di un vicino parco dei divertimenti con gente sorridente sulle montagne russe. Be` pero` ancora non sapevo che di li a poco ne avrei vissute di peggio.

I dintorni di Vijayawada sono proprio come si vedono in TV, villaggi di case di fango, paglia e foglie di palma, poche di mattoni; rigagnoli di acqua all`apparenza poco salubre nei quali si lava, ci si lava, si riempie la pentola (speriamo non per il pranzo), e via dicendo. Risaie sterminate dietro alle case con lavoratori costantemente a mollo … risaie + caldo = alta possibilita` di avvistare serpenti, mi giro verso Gio e noto che ovviamente ha gia` ben raddrizzato le antenne speranzoso di fare l`avvistamento del secolo, tutto quello che ottiene e` un misero serpentello impaurito che non esita a buttarsi nel fiume. Ad un certo punto notiamo che un ragazzotto sta spingendo la bufala nel fiume per darle una bella lavata, non facciamo in tempo ha sorprenderci che riportando lo sguardo sulla strada notiamo che l`autista sta puntando dritto verso un gruppo di persone che lavora la paglia proprio in mezzo alla strada … frenera` speriamo bene … non ne sembra intenzionato, piuttosto suona con gusto, le persone si spostano e noi passiamo dritti, anche se per fortuna a velocita` accettabile, sopra il letto di paglia che stavano accuratamente stendendo. Chiunque di noi si sarebbe imbestialito (imbufalito, per restare in tema), loro niente, nemmeno una piega. Il tutto sembra normale.

Dopo due ore di meraviglie e stranezze per gli occhi giungiamo alla missione.

Alla prossima
Sil e Gio

Tags:

– guida folle: ammesso
– rumori corporali: ammesso
– sorridere con la bocca a con gli occhi: ammesso
– saltare la fila: ammesso
– sputacchiare sfiorando le scarpe altrui: ammesso
– salutare sempre: ammesso
– dare la precedenza: non ammesso
– schivare le noci di cocco che cascano dagli alberi: ammesso / non ammesso secondo fortuna personale
– incontrare serpenti cattivi: vedi sopra
– gustarsi una serenata notturna con grilli: ammesso
– camminare a piedi nudi ovunque: ammesso
– gustarsi invitanti pietanze semiliquide con le mani senza sporcarsi: ammesso se ne sei capace

Tags:

Siamo atterrati a Hyderabad con 1h20″ di ritardo, praticamente erano le 22.40 ed eravamo cotti ! Quello di Hyderabad é spacciato come l’aeroporto n.1 al mondo, peccato che la notte di Natale si sia bloccato il nastro trasportatore dei bagagli e quindi abbiamo dovuto attendere ancora 20min.
Recuperati i bagagli, ci dirigiamo verso l’uscita, dove l’omino del Novotel, poco prima, aveva assicurato a Silvia che il pulmino diretto all’hotel ci stava aspettando. Mentre usciamo, sono colto da super fame, spalanco gli occhi e la bocca alla vista dell’insegna McDonalds VegBurgher (ero proprio disperato), chiedo all’omino Novotel se faccio in tempo a mangiare qualcosa, lui risponde di sì, peró sostiene che da McDonalds ci vuole parecchio, meglio da SubWay…qui inizia a salirmi un po’ di nervoso…va beneeeee, ok, schiaccio la faccia sul vetro di SubWay e scelgo il meno peggio “roasted chicken” evitando salse, cipolle e altre porcherie: solo pane pollo pomodori e insalata. Ok dai sbrigatiiiii paninaraaaa…arriva il panino, avvolto completamente in un sacchetto di carta, messo in una borsa di plastica con 3 tovaglioli…ma se devo mangiarlo?!? Perché non lo metti anche sottovuoto?!? Arghhhhh
Mi avvicino a Silvia…contento di aver recuperato il cibo come un cacciatore Masai, ma subito un meteorite seppellisce il mio ghigno di soddisfazione:
Sil: “Gio, c’é l’insalata nel panino? No, vero?!?! ”
Gio: “#*^+=£$¥¥¥¥!!! Sì…e anche i pomodori…”
… Basta lo sguardo di entrambi, fisso per terra, per ricordarci la terribile infezione intestinale che ha accompagnato il nostro viaggio in Perù per via di verdura non cotta…così il panino, fra un vaffanbrodo e l’altro, finisce nei rifiuti, mentre mi resta il senso di colpa per aver buttato del cibo (non c’era nessuno a cui regalarlo).

Schizziamo sulla banchina dove ci aspetta…ci dovrebbe aspettare…ehm…Non c’é il pulmino…la Sil con i suoi occhi da talpa scorge il pulmino che si allontana sulla rampa di uscita, l’omino Novotel lo chiama sul cellulare, il pulmino inchioda e…fa la retroooo !!! Mitico!!! Italian style!!! In pochi minuti arriviamo al Novotel, lussuoso, fin troppo, ma sono le 23.20 e la cucina é chiusa, saliamo in camera e scopriamo che non c’é il letto matrimoniale ma due singoli, un solo accappatoio…arghhhhh.
La fame mi attanaglia e quindi ordino un “crock monsieur” al servizio in camera, poi doccia (finalmente) e camomilla bollente sotto le coperte dopo aver avvicinato i letti…ore 1.30 del 25 Dicembre, pancia piena, mal di gola da “smog di Delhi”, fusi dal fuso, sveglia puntata alle 6.00…
ma con due cuori in amore nella notte di Natale
Gio e Sil

Tags:

20111225-011929.jpg

Tags: